Aprile

FATTORI AMBIENTALI:

  • CLIMA, ormai dovremmo essere usciti dal periodo di grosse escursioni termiche e ci avviamo verso la primavera con la “P” maiuscola, sempre non dimenticando le peculiarità locali.
  • FIORITURE, in questo mese le specie da bottinare sono ancora abbastanza ridotte ma a quelle del mese precedente possiamo trovare l’aggiunta di Dentaria, Ginestrino, Ippocastano, Lantana, Tarassaco, Piantaggine e Muscari.

 

FATTORI PECULIARI APIARIO:

  • STATO DI SALUTE OMOGENEO E STABILE, solo avendo effettuato un controllo attento per tutto il mese precedente e questo mese potremo svolgere le prossime operazioni apistiche per controllare la sciamatura e produrre con una relativa tranquillità.

 

LAVORI IN APIARIO:

  • CONTINUARE A CONTROLLARE ATTENTAMENTE LA SCIAMATURA, pareggiando, allargando e dividendo le famiglie per fare nuclei, “scellando”, riducendo l’alimentazione integrativa. Il tutto, nel caso dell’Italia Centro-Settentrionale, dove le famiglie hanno preso a crescere con vigore, per arrivarvi pronti per il raccolto di Robinia e per arrivare ad Agosto con nuclei già ben avviati.

In Italia Meridionale si dovrà invece procedere a seconda dell’andamento locale di clima, famiglie e flusso nettarifero all’apposizione di nuovi melari e alla raccolta dei favi da melario opercolati. Con l’aumento della temperatura non dimentichiamoci di controllare la presenza di acqua facilmente disponibile.

Con la fine della fioritura delle zagare bisognerà spostare le famiglie verso nuovi pascoli: per evitare il più possibile la fame e i trattamenti fitosanitari.

 

PRODOTTI ALVEIS CONSIGLIATI:

  • per i nuovi nuclei se abbiamo a disposizione poche scorte o scarse fioriture, sosteniamoli con 10 ml di SUPER BEE in un litro di sciroppo e spezzare a metà 1 kg di APICANDY da ripartire su 2 nuclei, da associare all’uso per almeno 4 settimane una volta a settimana di API GO per dare vigore all’alveare migliorando la deposizione e la salute della covata.

superbeeapicandyapigo