Febbraio

FATTORI AMBIENTALI:

  • CLIMA, considerando sempre le variabilità locali e annuali, generalmente in questo mese c’è un graduale innalzamento delle temperature e di crescita vegetativa delle piante e anche per questo di ripresa d’attività in apiario.
  • FIORITURE, permangono quelle del mese precedente, a scalare, a cui si aggiungono i primi Agrumi precoci, l’Alloro, le prime Querce, i primi Pioppi, la Veronica e il Viburno.

 

FATTORI PECULIARI APIARIO:

  • DISPONIBILITÁ DI ACQUA, questo è forse il periodo migliore per abituare le api a utilizzare gli abbeveratoi che gli mettiamo a disposizione altrimenti nei periodi critici, in assenza di fonti naturali vicine, saranno costrette a viaggi lunghi. Le api prediligono acqua ferma, con un leggero tenore in sali e che possano suggere senza pericolo d’affogamento! (ad es. MATERIALI ASSORBENTI POROSI)

 

LAVORI IN APIARIO:

  • RICERCA DI ORFANITÁ, attraverso l’osservazione attenta del predellino di volo, la lettura della cassettino estraibile e se la temperatura lo consente la rapida ispezione del nido sui telaini con api per cercare covata fresca.
  • TRATTAMENTO ANTI VARROA, se per qualche causa di forza maggiore non sono stati completati gli interventi a cavallo tra fine Novembre e inizio Dicembre allora bisogna fare un trattamento con API BIOXAL sublimato. In ogni caso, tenere d’occhio attentamente queste ultime famiglie trattate durante la stagione.
  • ELIMINARE DALL’APIARIO LE ARNIE VUOTE DI FAMIGLIE MORTE, cercando di individuare il perché.
  • CONTINUARE CON L’ALIMENTAZIONE, per assecondare le famiglie nel loro sviluppo, in questo mese il consumo delle famiglie aumenta rispetto al mese di Gennaio: passando a 2,5 – 3 kg di miele per le famiglie in arnie di legno, mentre per i nuclei o famiglie in arnie di polistirolo rimane stabile a 1,4 kg al mese.
  • CERCHIAMO ANCORA DI TENERLE SU SPAZI RISTRETTI, soprattutto in Italia Centro – Settentrionale, per quanto possa sembrare impietoso.
  • PREPARARE IL MATERIALE APISTICO, iniziare fin da subito a preparare il materiale a magazzino per la nuova stagione alle porte.

PRODOTTI ALVEIS CONSIGLIATI:

APICANDY, APICANDY-Proteico, APIGO e SUPER BEE, per continuare con l’integrazione alimentare mentre API BIOXAL per finire di trattare quelle famiglie che non hanno ricevuto il trattamento invernale completo. In Italia Meridionale, da non dimenticare per avviare al meglio le api per la stagione produttiva alle porte: un trattamento una volta a settimana per 3 settimane con API HERB, per riequilibrare la flora intestinale dopo il lungo invernamento. Prevenire è meglio che curare! Il nostro obbiettivo sono api sane!

ApiGo per sostenere lo sviluppo della covata (Italia Centro-Meridionale), mentre in Italia Centro – Settentrionale si potrà usare API HERB, soprattutto per rinvigorire le famiglie trattate tardivamente con API BIOXAL, per aumentarne il vigore quando vedremo l’aumento costante dei voli esterni, e API GO per avere rose di covata compatta e prevenire patologie della stessa.

Sempre in Italia Meridionale, se ce ne fosse bisogno e le temperature fossero adeguate si può effettuare un trattamento con API LIFE VAR su nuclei e famiglie che non useremo per il primo raccolto o che destineremo ad altre attività senza raccolto come l’impollinazione.

apicandyapibioxal  apiherb apilifevar superbee