Marzo

FATTORI AMBIENTALI:

  • CLIMA, anche se abbiamo quasi scollinato, non dimentichiamoci che questo è forse il mese più instabile dal punto di vista climatologico quindi assicuriamoci che le famiglie siano sane e abbiano sufficienti scorte per andare incontro a improvvisi e protratti periodi di freddo e pioggia.
  • FIORITURE, oltre ai residui delle fioriture dei 2 mesi precedenti si aggiungono i primi fiori di Albicocco, Borragine, Ciliegio selvatico, Erica arborea e carnea, Malva, Pesco, Prugnolo, Ranuncoli, Rosmarino, Susino, Tarassaco e Timo.

 

FATTORI PECULIARI APIARIO:

  • LIVELLO DI SVILUPPO, abbiamo le famiglie simili, pareggiate, omogenee tra loro? O ce ne sono di più avanti e più indietro aumentando il rischio di saccheggio? Come è il livello di sviluppo tra apiari diversi magari anche vicini fra loro? C’è coerenza tra le diverse postazioni? ( grado di affollamento del predellino, grado di affollamento degli abbeveratoi, “imbiancamento della cera”, comparsa di prima covata maschile etc. etc. )

 

LAVORI IN APIARIO:

  • CONTINUARE LA NUTRIZIONE, per evitare “carestie” in favi singoli per calo di flusso nettarifero, in modo da non andare incontro a di-stress da fame nella covata.
  • CONTROLLARE LA SCIAMATURA, attraverso il pareggio equilibrato delle famiglie secondo le esigenze di ciascuna azienda apistica, l’asportazione di covata maschile, con il doppio vantaggio di aver un monitoraggio sul grado d’infestazione da varroa, asportazione di tutte le celle reali presenti e dove possibile divisione a metà le famiglie per fare nuclei.

Soprattutto in Italia Meridionale, avere famiglie troppo forti a fine mese sarebbero difficilmente contenibili e la sciamatura è garantita.

  • COSTANZA NELLE VISITE SETTIMANALI, per controllare la bontà della regina, la richiesta da parte delle api di spazio per quindi aggiungere telaini nuovi, lo stato di salute della covata con molta attenzione indipendentemente se si tratti di una famiglia poco o molto numerosa.

 

In Italia Meridionale: possiamo già procedere a posizionare il primo melario per il raccolto di miele d’agrumi.

 

PRODOTTI ALVEIS CONSIGLIATI:

ApiGo e, in Italia Centro – Settentrionale ormai anche in questo mese si può iniziare tranquillamente a preferire l’alimentazione liquida, quindi suggeriamo di proseguire con 10 ml di SUPERBEE dissolti in un litro di sciroppo, anche in prospettiva per preparare pacchi d’ape e nuclei.

In Italia Settentrionale, Iniziare o proseguire la somministrazione di ApiHerb, così come di ApiGo (per il gocciolamento tenere come data di riferimento S.Giuseppe il 19 Marzo)

 

apiherb  superbeeapigo