Ottobre

FATTORI AMBIENTALI:

  • CLIMA, il clima è ormai freddo autunnale. In Italia Centro – Settentrionale aumentano i giorni di pioggia mentre in Italia Meridionale si possono ancora avere delle giornate ben soleggiate con temperature massime che possono ancora raggiungere i +21°C.

  • FIORITURE, ormai quasi del tutto assenti, con permanenza di fiori di campo in zone con buona biodiversità vegetale o vicino a zone urbane con aree verdi potenzialmente appetibili per le api.

FATTORI PECULIARI APIARIO:

  • ASSICURIAMOCI DI TROVARCI GIÁ NELLA POSIZIONE IDEALE PER L’INVERNAMENTO, dato che salve poche eccezioni la stagione del raccolto è ormai finita. Soprattutto perché i risultati della nostra scelta del luogo si vedranno sul medio – lungo periodo con riduzione incidenza di patologie, migliore ripresa primaverile e maggiore resa sui raccolti precoci, sempre con coincidenza di condizioni climatiche favorevoli!

LAVORI IN APIARIO:

  • VERIFICHIAMO LA CONSISTENZA DELLE FAMIGLIE E DELLE SCORTE, e se necessario pareggiare le scorte.

  • VERIFICARE l’effettivo inizio del blocco fisiologico di covata (variabile a seconda dell’andamento climatico locale, dello stato di salute della famiglia e alle caratteristiche genetiche della regina);

  • NUTRIRE, in caso di scorte scarse e integrare con telaini di miele propri di quella famiglia rimossi durante la stagione produttiva.

  • RIDURRE L’APERTURA DI VOLO, sulla posizione invernale.

PRODOTTI ALVEIS CONSIGLIATI:

  • API CANDY rappresenta una buona integrazione per preparare le api ad avere scorte sufficienti per l’inverno, associato alla somministrazione di API GOper mettere le api nelle condizioni ottimali per superare l’inverno: sia come quantità d’api invernali così come della loro longevità. Prevenire è meglio che curare!

 

In Italia Meridionale in caso di nuclei con poche scorte e ancora buon allevamento di covata si può integrare l’alimentazione con SUPER BEE.

apicandy apigo superbee